Ad Ogni ambiente il suo mazzo di fiori

Per rendere più accogliente la propria casa ma anche più colorata e profumata, i fiori sono sicuramente la soluzione migliore che si possa adottare. Quindi se si vuole dare un tocco di personalità, i fiori sono un elemento speciale. Questi possono anche essere usati, in base alla tipologia di ambiente in cui si devono posizionare. Ambiente cucina In questa tipologia […]

Continua a leggere

Solfato di rame per fumaggine

fumaggine e solfato di rame

Solfato di rame contro le malattie che colpiscono la flora mediterranea: come usarlo nella bonifica delle piante Il solfato di rame, conosciuto anche come solfato, una polvere chimica a base di ossigeno, rame e zolfo. Generalmente si presenta sotto forma di polvere o sabbia, a seconda dello scopo per cui deve essere utilizzata. Il colore può variare dal blu acceso […]

Continua a leggere

Quanto antialghe è bene mettere in piscina? Ecco la guida completa al suo utilizzo

Tutto quello che c’è da sapere sul trattamento antialghe in piscina In qualsiasi tipo di piscina, indipendentemente dalla dimensione e dalla destinazione di uso, è di fondamentale importanza tenere sotto controllo il cloro ed il pH. Per quanto riguarda i luoghi pubblici, modalità e frequenza sono regolamentate da norme regionali. Analisi e controllo del pH I valori ideali di pH devono oscillare tra 7.2 e 7.4. Se il valore è inferiore a 7.0, allora l’acqua è acida e può essere stabilizzata aumentando l’uso di Dryplus. Se, invece, il valore è superiore a 7.6 significa che il cloro è poco attivo, ciò comporta la rapida formazione di flora batterica, alghe, incrostazioni calcaree ed acqua torbida. In questo caso il pH deve essere diminuito utilizzando Drymius. Trattamento antialghe: quando e come farlo È un’operazione che deve essere fatta ad ogni inizio stagione, immettendo un prodotto come Alga Stop, in dosi da 10 gr/m3. È necessario ripetere il trattamento ogni 15 giorni con dosi dimezzate. I fattori che alimentano la formazione di alghe sono: - Alte temperature - pH elevato - colorazione insufficiente - presenza di nitrati È dunque fondamentale tenere monitorati i livelli di cloro e pH, così da intervenire prontamente per riportare i parametri nella norma, se qualcosa dovesse andare storto. Le alghe appaiono di maniera diversa. Nella maggior parte dei casi tendono a formarsi sulle pareti o sul fondo della piscina, ovvero nelle zone in cui vi è minor circolazione dell’acqua ma, vi sono anche dei casi in cui restano in sospensione. Di alghe ne esistono diversi tipi e di diverse colorazioni (le può comuni sono verdi o nere, quest’ultime sono le più difficili da debellare). Per u corretto utilizzo è necessario immettere lentamente il prodotto nello skimmer ad impianto in funzione oppure nella vasca di compenso per le piscine a bordo sfioratore.

Tutto quello che c’è da sapere sul trattamento antialghe in piscina   In qualsiasi tipo di piscina, indipendentemente dalla dimensione e dalla destinazione di uso, è di fondamentale importanza tenere sotto controllo il cloro ed il pH. Per quanto riguarda i luoghi pubblici, modalità e frequenza sono regolamentate da norme regionali.   Analisi e controllo del pH I valori ideali […]

Continua a leggere

Come scegliere il box doccia: consigli utili

cabina doccia_

Nella scelta di un nuovo box doccia entrano in gioco numerosi elementi come la scelta dei modelli, la funzionalità e i materiali con cui sono realizzati. A tali questioni è facilmente trovare una soluzione grazie ai molteplici prodotti esistente sul mercato, infatti è possibile visionare online un’ampia lista di box doccia, tra cui certamente sarà possibile trovare quello adatto alle […]

Continua a leggere
1 2 3 4 5 41